Materiali Innovativi: quali sono e come reperirli

Lista dei materiali innovativi migliori

I materiali innovativi, grazie alle loro proprietà fisico-chimiche, consentono di risparmiare i costi e di ottenere livelli di prestazione elevati rispetto ai materiali più tradizionali, per cui è molto importante sapere quali sono e dove reperirli. Inoltre, si tratta di prodotti con un basso impatto ambientale.

 

Materiali innovativi di origine naturale

Si tratta di materiali innovativi ricavati da fonti naturali e avere diversi impieghi. Tra questi, c’è la canapa; una fibra tessile che si ottiene da una pianta, per cui nel suo reperimento viene coinvolto il settore agricolo. Uno dei suoi utilizzi più diffusi si verifica nel campo della bioedilizia, dove serve per realizzare un cemento naturale. Sempre in campo edilizio, un altro importante materiale è il micelio dei funghi. Il suo utilizzo più rilevante è come isolante termico.

Esso è quindi un prodotto naturale al 100% e sono molte le coltivazioni di funghi in cui trovarli in Italia. La lana di pecora è un altro prodotto ecosostenibile utilizzato anch’esso come isolante e si può ricavare facilmente dagli animali. Dal legno, in combinazione con lana e cemento, è possibile ricavare dei pannelli da utilizzare per isolare acusticamente le pareti di una casa. Si tratta di un composto di prodotti naturali riciclabili e ricavabili da materie prime organiche. Molto importante è la nanocellulosa, potente materiale isolante che viene prodotta a partire da una pasta fibrosa di origine vegetale.

Materiali ecosostenibili innovativi

La schiuma isolante che si ricava non è tossica. Inoltre, sono diverse le fibre naturali che si ottengono dalla cellulosa, la sostanza di base principale dei vegetali. Viene utilizzata principalmente nel settore dell’abbigliamento dove, insieme ad altri componenti, serve per produrre diversi tessuti. Infine, bisogna ricordare i molti biocomposti che si ottengono a partire da alcune fibre naturali come il lino e le resine.

 

Altri materiali innovativi

Nel settore dell’edilizia un’importante novità è costituita dai biomattoni. Questi vengono prodotti grazie all’utilizzo della pietra riciclata. Quest’ultima si ottiene dagli scarti delle pietre calcaree. Molto innovativo il cosiddetto “vetro intelligente”; viene ricavato da materiali conduttivi quali i nano cristalli di ossido di indio e da una matrice vetrosa di ossido di niobio. Questo tipo di vetro serve per produrre delle finestre che fanno entrare la luce del sole senza che si verifichi un aumento della temperatura.

Sempre più utilizzati anche i laminati; molte finiture delle cucine più moderne sono infatti costituite da questi materiali. Nello specifico, sono dei pannelli di truciolare che stanno progressivamente sostituendo i materiali più tradizionali e costosi. In diversi settori quali l’automobilistico e l’aeronautico, stanno avendo sempre maggiore successo i compositi. Si tratta di materiali innovativi fibro-rinforzati ricavati da componenti quali fibre e matrici (polimeri).

Offrono un’elevata resistenza e durabilità quindi sono estremamente adeguati per la costruzione di aerei, processo nel quale sostituiscono materiali più tradizionali quali l’alluminio ed il titanio che invece, sotto forma di pannelli, ha trovato una nuovo impiego come struttura di rivestimento metallica. A partire dall’esfoliazione della grafite è invece possibile ottenere il grafene, materiale altamente resistente, flessibile quanto la plastica, nonché ottimo conduttore. Viene principalmente utilizzato nella costruzione di circuiti integrati.

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>